Un peu d'histoire sur...
Le scaphandre autonome
ou
The Self Contained Underwater Breathing Apparatus (SCUBA)

Una delle mie passioni, capirai che è la collezione di vecchi regolatori del marchio Spirotechnique, simbolo delle immersioni subacquee e moderne.

Tuttavia mi sembra necessario per le persone che visiteranno questo sito senza avere un concetto storico sulle immersioni moderne, sapere che non tutto è stato inventato da un solo uomo nel 1946, il comandante Jacques-Yves Cousteau.

Al contrario, la storia della scoperta dell'ambiente marino risale all'antichità, ma la grande rivoluzione ebbe luogo nel corso del XIX secolo con l'invenzione del regolatore ...

La parola muta da sub è stata inventata nel 1775 dall'abate della Cappella per nominare la sua invenzione, una specie di giubbotto di salvataggio in sughero che consente ai soldati di galleggiare e attraversare i fiumi (Foto 1). Scaphandre viene dal greco skaphe (barca) e Andros (uomo), e quindi significa l'uomo barca.

Oggi la parola muta non si riferisce più all'invenzione dell'abate della cappella, ma è rimasto nell'uso della lingua francese per riferirsi a una serie di combinazioni o dispositivi che consentono a una persona evolversi in sicurezza in un ambiente a lui ostile (esempio: muta per sub pesanti, muta autonoma o muta spaziale).

invention du scaphandre de l'abbé de la chapelle.

Photo 1

Il primo regolatore nella storia è un'invenzione del dottor Manuel Théodore Guillaumet del 1838. Ma non è autonomo, l'aria viene fornita da una pompa in superficie. Non includeva ancora una riserva intermedia tra il presa d'aria e pistone.

La storia dell'immersione autonoma iniziò davvero nel dipartimento dell'Aveyron il 14 aprile 1860, dove un certo Benoît Rouquayrol depositò un brevetto per un "regolatore" destinato a un dispositivo di salvataggio dei minori vittime di fuochi d'artificio e gallerie annegate. È un regolatore che funziona secondo lo stesso principio di Théodore Guillaumet.

Il 16 gennaio 1862 nacque un nuovo brevetto: l '"isolatore Rouquayrol" composto dal regolatore e da una maschera con fermaglio e boccaglio in gomma vulcanizzata fissati su un beccuccio di metallo. Questo sistema elimina il pesante casco da sub.

11 marzo 1864 Benoît Rouquayrol e Auguste Denayrouze condividono un brevetto per un serbatoio intermedio destinato alla versione pompata, con pompa manuale in superficie e anche, per un uso alternativo, un serbatoio di aria compressa gonfiato a 40 atmosfere per la versione autonoma. Questo è il dispositivo Rouquayrol-Denayrouze (Foto 2), il primo ad essere utilizzato per le immersioni subacquee. Per questo brevetto del 1864 seguiranno due varianti del regolatore del 1860 in adattamento alle immersioni. Il primo è il cosiddetto tipo "bassa pressione" (8 e 25 litri), alimentato con aria da una pompa e utile sia in ambiente marino che minerario. Il secondo modello è il cosiddetto tipo "alta pressione" (35 litri), autonomo grazie a una riserva di aria in pressione a 30 kg e che consente un'autonomia di mezz'ora a 10 metri di profondità. Una variante di quest'ultima, realizzata in ferro con rivetti di rinforzo, potrebbe essere pressurizzata a 40 kg. Al fine di proteggere il sub dal freddo delle profondità marine Rouquayrol e Denayrouze creano una tuta impermeabile in tela gommata, come quella già utilizzata dai sub in quel momento. Suole di peso di otto chilogrammi completano ciascuna l'attrezzatura. L'operatore subacqueo indossa una clip per il naso, ma non viene fornita alcuna attrezzatura per proteggere gli occhi. I primi test vengono effettuati dai subacquei di snorkeling di Espalion che pescano a tale scopo pesci intrappolati nei prati sub-acquatici e che immergono gli occhi spalancati sott'acqua senza alcun tipo di protezione. Un dispositivo di questa generazione del 1864 è esposto allo Scuba Diving Museum di Espalion. È l'unica copia conosciuta e ancora conservata del dispositivo originale Rouquayrol-Denayrouze. Fu la compagnia Piel, erede della successione delle compagnie Denayrouze e Charles Petit, che la offrì al museo.

27 giugno 1864, oltre alla muta da sub di un cappotto di stoffa gommato disegnato dai due soci. Il brevetto è depositato includendo una piccola campana con un unico oblò per la testa del sub. La campana si riempie di aria mentre il sub espira.

Ma nel 1865 Rouquayrol e Denayrouze notano che il sistema a campana con riempimento d'aria progressivo non è sufficiente per la protezione degli occhi del subacqueo e che il loro primo design con fermagli per il naso e senza protezione per gli occhi deve essere completamente abbandonato a favore di '' sistema di protezione degli occhi di un subacqueo permanente. Hanno progettato una maschera facciale in rame adattabile alla muta da sub e hanno soprannominato "muso" per la sua forma. L'aria del regolatore arriva nella maschera attraverso un bocchino e i gas di espirazione vengono evacuati per mezzo di una valvola manuale con valvola di non ritorno. Tre brevetti per questa maschera muso si susseguono, passando da uno a tre e infine quattro oblò (Foto 3), ma le difficoltà riscontrate dai subacquei che l'hanno utilizzata hanno portato Auguste Denayrouze, nel 1866, a sostituire la maschera muso con un casco da sub tradizionale dotato dello stesso bocchino e della stessa valvola dell'aria di scarico.

5 settembre 1865 Rouquayrol e Denayrouze depositano un brevetto per l'aggiunta alla muta da sub di un fischio di avvertimento che annuncia un basso livello della riserva aerea e il 17 febbraio 1866, il brevetto di un filtro metallico in tela che previene le particelle i marine che arrivano per ostacolare il meccanismo del regolatore.

Successivamente Auguste Denayrouze nel gennaio 1873 altri due brevetti: quello della valvola Denayrouze con pulsante, sul quale lo stantuffo può premere con una pressione della sua testa.

Poi quello dell'elmetto Denayrouze 1873 con tre bulloni. I tre bulloni sono quelli che trattengono la muta da sub pizzicandola tra il cappuccio del casco e il cappuccio. La presa d'aria non viene più effettuata attraverso un bocchino ma direttamente nel casco, che include ancora la valvola di scarico dell'aria viziata e, nuovo, il pulsante, che ha un brevetto indipendente. Un serbatoio intermedio tra la pompa e lo spazio chiuso del casco garantisce un regolare rifornimento d'aria, che protegge le orecchie del sub dalle differenze di pressione generate dai cretini delle pompe tradizionali che fino ad allora hanno inviato il aria direttamente nei caschi dei subacquei.

Da parte sua, Louis Denayrouze, fratello di Auguste, presenta altri 3 brevetti:

2 giugno 1872: brevetto per "Aerophore", un dispositivo destinato nuovamente al salvataggio in ambiente minerario, abbinato a un brevetto per una lampada ad olio impermeabile che può essere utilizzata anche sott'acqua.

Febbraio 1874: brevetto per il "Tromba acustica subacquea", il primo telefono subacqueo che consente al subacqueo di comunicare con gli equipaggi rimasti in superficie.

Quindi, per finire nel 1889, ha depositato il brevetto per l'elmetto Denayrouze. È un sistema di fissaggio a gancio senza bulloni. Diversi produttori adottano questo sistema, ma non ottiene il successo atteso perché i sub, abituati al sistema di fissaggio mediante bulloni, rimangono scettici riguardo a questo gancio. Questo tipo di tuta spaziale è quella che Tintin usa nel fumetto Le Trésor de Rackham le Rouge.

La muta da sub di Rouquayrol e Denayrouze ispirerà anche Jules Vernes per il suo lavoro di 20.000 posti sotto il mare.

scaphandre Rouquayrol-Denayrouze

Photo 2

scaphandre Rouquayrol-Denayrouze

Photo 3

Il sub dotato di una muta autonoma non ha la possibilità di decollare dal fondo e di evolversi in acque libere. Fu Louis Marie de Corlieu, un soldato francese, a inventare la moderna pinna da sub.

Per il suo primo prototipo di palma da sub moderna (Foto 4), dimostrò nel 1914 prima del parterre di un ufficiale, tra cui Yves Le Prieur che nel 1926 avrebbe inventato (e nel 1934, perfetto) una serie di modelli di scuba . Nel 1939, De Corlieu fu finalmente in grado di avviare la produzione in serie dei suoi palmi, che fino ad allora aveva prodotto nel suo appartamento a Parigi. Nello stesso anno del 1939, l'americano Owen P. Churchill acquistò una licenza da De Corlieu per fabbricarli negli Stati Uniti e iniziò a commercializzarli. Furono adottati nel 1940 dalla Marina degli Stati Uniti e dai suoi nuotatori da combattimento che li usarono ad esempio durante gli sbarchi in Normandia.

Palmes De Corlieu

Photo 4

Nel 1925, il comandante Yves Le Prieur partecipò al Grand Palais in una dimostrazione che Maurice Fernez realizzò un suo respiratore subacqueo, alimentato con aria di superficie da una pompa. Si offrì di sostituire la sua pompa e il suo tubo di respirazione con una bottiglia di aria compressa, la stessa usata dalla società Michelin per il suo kit di riparazione delle forature che poi montava le auto. Questo sistema fornirà al sub l'autonomia e l'indipendenza dalla superficie. Fernez accettò e nel 1926 brevettarono la loro tuta Fernez-Le Prieur (Foto 5). Le forniture di Fernez includevano un fermaglio per il naso, i cosiddetti "occhiali Fernez" e una valvola di non ritorno per lo scarico dell'aria espiratoria del sub. Il contributo di Le Prieur fu un regolatore di immersione manuale (o regolatore di pressione) che aveva progettato e accoppiato al cilindro dell'aria compressa. Il Priore sostituirà gli occhiali e il fermaglio per naso di Fernez con una maschera per oblò piccola e più sicura nel 1931. Questa tuta a valvola manuale potrebbe fornire aria a due sommozzatori e erogare aria solo a pressione costante e basato su valvole manuali.

scaphandre Le Prieur

Photo 5

Nel 1935 Georges Commeinhes deposita il brevetto per un apparato respiratorio destinato ai pompieri. combina il regolatore Rouquayrol e Denayrouse e la bottiglia Le prieur.

Quindi nel 1937 pubblicò una versione anfibia che fu approvata dalla Marina francese.

Fu solo nel 1942 che Georges Commeinhes depositò un brevetto per un autorespiratore in un mezzo liquido sotto pressione, che chiamò GC 42 (Foto 6).

La muta da sub è aerodinamica e comprende due bombole da 4 o 5 litri, un regolatore a membrana, un manometro, un allarme acustico. Con questa innovativa tuta spaziale si immergerà a Marsiglia alla profondità di 53 metri il 30 luglio 1943.

scaphandre Commeinhes

Photo 6

Nel frattempo, durante l'occupazione tedesca, a Parigi, un certo Émile Gagnan adatta il regolatore Rouquayrol-Denayrouze all'alimentazione dei motori delle auto che funzionano a gas, a seguito della carenza di carburante che si sentiva molto dura (Foto 7 ). A tal fine, ha depositato il brevetto per il proprio regolatore, miniaturizzazione del regolatore Rouquayrol e Denayrouze in bachelite.

A quel tempo il capo di Gagnan era Henri Melchior, ex ammiraglio della Marina francese che divenne direttore della compagnia Air Liquide. La figlia di Melchior era Simone Melchior, moglie di Jacques-Yves Cousteau, un segno della nave che, dal suo incontro con il Capitano Corvette Philippe Tailliez, aveva cercato di perfezionare il dispositivo autonomo per le immersioni inventato dal comandante Yves Le Prieur . Quando Melchior venne a sapere dell'invenzione di Gagnan, parlò immediatamente con suo genero, Cousteau, e i due uomini si incontrarono a Parigi nel dicembre del 1942. Due mesi dopo fu testato il prototipo, dotato di un unico tubo corrugato. nella Marna di Cousteau (foto 8). Ma trovava difficile ispirarsi a testa in giù e svasare a testa in su ed era quindi necessario essere in posizione orizzontale per respirare correttamente. Cousteau ha suggerito alcune modifiche, tra cui un secondo tubo ad anello per portare la scadenza contro la membrana per compensare le differenze di pressione. Torniamo al seminario ... e il regolatore Gagnan è stato testato con successo in mare nel giugno del 1943, a Barry Beach a Bandol. I partecipanti erano Philippe Tailliez, Frédéric Dumas e Jacques-Yves Cousteau (Foto 9), i futuri moschettieri.

Photo 7

Photo 8

scaphandre air liquide 1943

Photo 9

Nel 1944 Georges Commeinhes morì durante la liberazione di Strasburgo e il suo regolatore affondò nell'oblio a favore dell'invenzione di Gagnan e Cousteau.

Cousteau e Gagnan (Foto 10) brevettarono la loro invenzione nel 1945 con il nome di "Scaphandre Cousteau-Gagnan 1945 o CG45" e "Aqualung", per l'esportazione. La commercializzazione stessa iniziò l'anno successivo, il 26 maggio 1946 con la creazione della LLC "La sprirotechnique", una filiale di Air Liquide, che, prima del successo della commercializzazione della CG 45, divenne SA "La spirotechnique" nel 1951.

commandant Jacques-Yves COUSTEAU et Émile GAGNAN

Photo 10

Per divertimento, ... il graal di tutti i collezionisti, il prototipo CG 45 in 6 foto. Mi furono inviati da Jacques Chabbert, che li ricevette da Manuel Cabrère d'Aqualung.

Essendo il felice proprietario Aqualung, sarebbe l'unica copia che ci è venuta in mente ma ci sono voci che esisterebbe una seconda copia ...

cg-43-6
cg-43-5
cg-43_4
cg-43_3
cg-43_2
cg-43_1
1/1